Home » Fiscale  »  Quali spese valutare per l’acquisto della prima casa.
Quali spese valutare per l’acquisto della prima casa.

In un altro articolo abbiamo analizzato le 3 cose da valutare quando si scegli di acquistare la prima casa. Ma quando affrontiamo per la prima volta l'acquisto della nostra prima casa ci sono da prendere in considerazione tantissimi altri fattori, tra cui le spese che occorre sostenere.  

Vuoi sapere quali sono le spese da tenere in conto per comprare la tua prima casa?

Di seguito troverai un breve elenco dei costi che forse non conoscevi...

  • NOTAIO
  • AGENZIA IMMOBILIARE
  • SPESE BANCARIE
  • VALORE CATASTALE

NOTAIO

Come prima cosa, il ruolo del notaio è di fondamentale importanza quando si pensa all'acquisto di un immobile ed è così importante perché è proprio il notaio a certificare che il venditore sia l'effettivo proprietario di quell'immobile garantendone lo stato giuridico dello stesso. Ma a quali costi si va incontro? Ecco qui alcune voci che compongono il costo reale del notaio:

  • Parcella del notaio per l'atto di acquisto (in base al valore di compravendita) solitamente si attesta tra i €1.500 e i €2.000;

  • Parcella del notaio per eventuale atto di mutuo (in base alla cifra di mutuo);

  • Imposta di registro prima casa: oggi è del 2% sul valore catastale;

  • Imposte fisse: oggi 50€ ipotecaria, 50€ catastale;

AGENZIA IMMOBILIARE

L'agenzia immobiliare è un vero e proprio mediatore e mette in comunicazione potenziali venditori con potenziali compratori. Ovviamente il prezzo della mediazione può cambiare da agenzia ad agenzia, ma quello che incide di più è sicuramente dato dal valore dell’immobile stesso.

Comunemente si tiene in considerazione circa un 3% + iva (al 22%) sul prezzo effettivo di acquisto.  

SPESE BANCARIE PER MUTUO

Quando ci si sente pronti ad acquistare la prima casa nella maggior parte dei casi dovremo chiedere in banca un mutuo per sostenere questo acquisto. Quando accediamo ad un mutuo dobbiamo tenere in considerazione diversi costi che possono variano da banca a banca. Ecco le voci più importanti da considerare:

  • Perizia (indicativamente tra i 250€ e i 330€);
  • Costo istruttoria ovvero i costi che la banca richiede per valutare la domanda del mutuo che possono variare da 0 ad un oneroso 2% del valore totale del mutuo; 
  • Imposta sostitutiva (0,25% dell’importo di mutuo erogato);
  • Certificazioni che la banca richiede come il certificato di residenza o lo stato di famiglia che si ottengono presso l'anagrafe del comune con un costo di €16 di marca da bollo;
  • Premio dell'assicurazione per tutelare l'immobile come garanzia del debito. Generalmente ha un costo inferiore ai €50 l'anno. 

In conclusione,
queste spese sono indicative e possono variare a seconda del periodo e di eventuali agevolazioni.

Ad esempio, in questo momento (novembre 2021) e fino a giugno 2022, i'imposta di registro e l'imposta sostitutiva sono annullate per i giovani sotto i 36 anni con ISEE inferiore a 40.000€.

Vorresti essere sicuro di fare tutto i passaggi giusti prima di acquistare la tua prima casa? Affidati a GreeMm che ti seguirà passo dopo passo e ti aiuterà a prendere le decisioni migliori. 

Leggi l'articolo
Perchè è importante la regolarità edilizia?


Leggi di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *